Italy vs. Usa – di William Babila

Hanno insistito per giocare su un campo che è poca erba e tutta terra. Gli americani dei Caschi Blu. Holy cow, direbbero loro. ‘Sti cazzi, dico io. Giochiamo da mezz’ora, siamo sotto 3 a 0, e ogni volta che da lontano parte una scarica di colpi ci abbassiamo quasi all’unisono, eccettuato il battitore che è... Continue Reading →

#riscrittura – Via da qui!

Il racconto originale, qui di seguito, è di Elisa Savoldelli "Vattene, adesso!" ordino sussurrando alla ragazza di fronte a me. Ha gli occhi pieni di paura, le sue labbra tremano leggermente. "Prendi le tue cose e vai via!" una lacrima le scivola dagli occhi gonfi, le carezza il viso pallido; solo un alone violaceo si... Continue Reading →

Di pomeriggio – di William Babila

Di pomeriggio la stanza diventa calda, il mese è solo all’inizio, le giornate sono molli. Il chiasso finisce dopo l’ora del pranzo, una volta che i piatti sono stati vuotati. «La mensa», dice la signora. La parola le è uscita da una memoria che da ieri si è schiarita, d’improvviso. I vecchi le sembrano i... Continue Reading →

Perdersi – di William Babila

Mi piace giocare a nascondino. Non c’è altro da fare d’estate. «Mamma!» Mia sorella è una piagnucolona. Si stanca se non mi trova subito. «Mamma!» La chiama perché vuol farsi aiutare. Non è giusto. La picchierò, mi farà sgridare. Guarderà in bagno, poi in cucina e solo alla fine verrà qui. Casa nostra non è... Continue Reading →

#dentrolastoria – cànone

Buongiorno e buona domenica Parolanti. Come anticipato ecco all'articolo che ho messo qualche giorno fa sul mio blog personale. Vi pregherei di riprendere la discussione con i vostri commenti.  Laura Massera =============================== Vorrei fare una riflessione su una questione che mi assilla da un po’. Io sono un’editor (oltre a tante altre cose) e nell’evoluzione... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑