Poesia effimera – di Iolanda Arcidiacono

AnnaMagnaniCadre

Effimeri versi me mostrò er core

Nun eran belli e nun facevan rumore

Nun c’avevano senso

E manco ‘a rima

‘A metrica poi…

Nun sò manco ‘ndo sta.

Ma me sbattevano forte

Come ‘na martellata continua

N’er petto e più ancora dentro ‘a testa

Come se volessero uscì fori

Pe’ forza, c’a prepotenza.

E me so chiesta: ma chi me l’ha fatto fa’

De scrive ste baggianate

In mezzo a sta mattinata

Anvece de stirà

O famme ‘na passeggiata.

A esse sincera… nun c’o so mica

Ma me piaceva de condivide m’pensiero…

Ché c’avevo in mente

Chiaro chiaro

Cosa volevo dì e cosa scrive

Quasi ‘na lezione de vita

O ‘na massima ‘ntelligente

De come m’imbrogliò il destino

Quanno me fece crede all’amore

E che c’è de più effimero de quell’infame?

Credi a me…

Proprio gnente!

E allora eccallà… ‘o dico come me viene

Ché tanto ce lo so

Quarcuno me crede

Quarcun’antro… no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: